Agli studenti e alle loro famiglie 

Al personale docente e non docente

Oggi, vorrei più di ogni altra cosa essere con tutti voi e immaginare che vi sia la possibilità di incontrarsi, abbracciarsi per parlare di tutto ciò che è accaduto come un triste ricordo del passato. Purtroppo questo non è possibile perché siamo ancora avvolti dalle conseguenze di questa terribile pandemia che tanto male ci ha fatto. Resta solo la possibilità di scrivere questo breve messaggio per augurarVi un Buon Natale e un anno decisamente migliore di quello che si sta concludendo, pure nella mestizia di fare tutto ciò solo con la propria famiglia.

Agli studenti voglio ricordare quanto siano fortunati ad alzarsi ogni mattina per andare a scuola. Certo, alcune mattine sono più difficili di altre, ma la scuola si è rivelata non solo la risorsa per il proprio futuro lavorativo e personale, ma anche e soprattutto il luogo di aggregazione e socializzazione dove un bambino impara insieme agli altri cosa significa crescere e maturare. I mesi in cui tutte queste cose sono mancate rappresentano una ferita nell’animo dei ragazzi ma tutti insieme possiamo e dobbiamo lavorare per compensare questo vuoto.

Tuttavia, il vostro sacrificio ha fatto una grande differenza per la società perché ha aiutato a ridurre la diffusione del virus e, di conseguenza, ha supportato coloro che lavorano nel settore sanitario. Colgo l’occasione per ricordare con sincera gratitudine il lavoro di queste persone che io continuo a ritenere eroiche per la loro professione e per lo spirito con cui la svolgono.

Lo stesso ringraziamento estendo ai docenti che in questi mesi hanno lavorato duramente per permettere agli studenti di non perdere un giorno, un minuto della loro istruzione. Durante il lockdown ho potuto constatare la passione e la dedizione di moltissimi di loro in un modo che mi ha ispirato e confortato.

Ringrazio anche il personale ATA che mi ha consentito di riaprire la scuola in sicurezza, pur in mezzo ad enormi difficoltà e ai mille intralci di carattere burocratico che ci hanno molte volte bloccato.

Spero che questi giorni di vacanza siano per tutti voi un momento di pace e di serenità.

Buon Natale

Il Dirigente Scolastico – Prof. Giovanni Scolari